menu close menu

Lettera Testimonianza Luca D’Andrea

MadonnaDelgranatoBuongiorno, carissimo Padre Domenico, sono Luca D’Andrea, ho saputo da un vostro compaesano che il 17 Novembre verrà trasmessa su Rai 1 la messa dal
Vostro Santuario e come promesso le scrivo questa lettera per ricordarle la mia storia. Io sono quel ragazzo (motociclista) di Viterbo (Vetralla per la precisione) che il 04 luglio del 2012 ha avuto un grave incidente in moto, dove ho rischiato la vita, infatti mi hanno ricoverato con un codice rosso all’ospedale Gemelli di Roma in prognosi riservata, e dove mi davano non più di 36 ore di vita!! Sono stato in coma per ben 21 giorni durante il quale ho contratto varie infezioni gravi come polmonite e meningite in una forma talmente grave che sembrava mi avrebbe dato il “colpo di grazia”; i dottori consigliarono a tutti i miei familiari e amici di pregare !!! Quelle preghiere arrivarono tutte…tanto che io ne sono testimone perché prima di tutti oggi sono qui a scriverle e poi perchè mi sono accorto nel mio “viaggio” che queste preghiere venivano ascoltate tutte. Adesso le racconto il mio “viaggio” più nel dettaglio:
Arrivai in un posto dove chiaramente il colore BIANCO era quello che prevaleva su tutta la dimensione in cui mi trovavo; subito dopo incominciai ad avvertire,chiamiamola “forza, potenza, aurea” con aggettivi terreni quello che era….in seguito capii: ebbi un incontro quasi improvviso con una donna; all’inizio provavo quasi paura, non capivo che cos’era quella forza che mi circondava, ero spaventato tanto che dissi: ” mannaggia, sono solo, peccato che sono solo, adesso come faccio a raccortare questa cosa che mi sta succedendo?”. Posso dire che in seguito cambiò tutto, quella paura- spavento si trasformò in senso di protezione e mi aiutò tanto perchè era un modo per ritrovare sempre Lei, perchè haimè non stava tutto il tempo con me, quella forza e quella donna ormai per me era come una mamma, forse anche di più, e mi piacerebbe tanto che tutti potessero provare quella sensazione di benessere, protezione e tranquillità, che al mondo terreno non si può provare mai, ineguagliabile. Da lì in poi si sono susseguite una serie di eventi strani ai miei occhi: era una realtà che non conoscevo; posso dire che, sempre in base alla mia esperienza, che questi “due mondi” sono molto collegati, più di quanto si pensi, il perchè?… spesso facevo delle richieste, Le chiedevo se mi portava insieme a lei e tra un viaggio e un altro trovai il coraggio finalmente di chiedere, con una lunga premessa, chi era; Lei mi rispose:”si Luca, io sono la Madonnina del Melograno!”. E finalmente avevo soddisfatto la mia curiosità e avevo scoperto chi fosse, ma non rimasi nemmeno sorpreso più di tanto, quanto non lo potessi rimanere qui sulla Terra; infatti per me quello era semplicemente un nome e non mi rendevo conto abbastanza con chi stavo….ma LEI era la MADONNA!!!!!!! Questo viaggio fu curioso in quanto vidi anche altre figure, come un Arcangelo (di cui non ricordo il nome ma era o Michele o Gabriele) che era sempre impegnato a tenere a bada Lucifero……. Vi dico che anche lì non ero in pace con le tentazioni, non so bene in che posto fossi ma posso dire che fui tentato per ben 3 volte e che la terza volta feci una richiesta che fu esaudita ma il prezzo da pagare era troppo alto: mezza vita!!! Io non accettai e riuscii ad andarmene. Dico a gran voce di aver visto crescere la forza della Madonnina di giorno in giorno e non potevo sentirle, ma tutt’oggi sono convinto che fossero preghiere, quindi dico al mondo intero: PREGATE PREGATE perchè le preghiere arrivano tutte. Continuarono i miei incontri con la Madonnina e le mie richieste, fino all’ultimo ….quando “un giorno”, se di giorni si può parlare, perchè lì dove stavo non si percepiva il tempo, mi incontrai all’improvviso con Lei, ebbi tanta paura, diventai paonazzo, il motivo era semplice: quella sua forza, bellezza, aura, intensità, calore, era sparito e mi sentii perso e feci subito una proposta, Le chiesi se mi poteva portare nuovamente con Lei ma mi rispose con molta gentilezza e tranquillità che non poteva e che il mio viaggio era finito, mi girai e me ne andai come un bambino imbronciato e cominciai a camminare così tanto che non so neanche io quanto!!! Subito dopo sentii la voce di mia moglie che mi tranquillizzava e mi diceva che non mi dovevo preoccupare: ero ritornato in questo mondo!……………….

Sono Luca D’Andrea e ogni parola di questo testo è pura verità e sensazioni che ho provato. Lascio il resto e le considerazioni a tutti voi che leggete questo! Luca.

Un sentito ringraziamento, Padre Domenico, in quanto è grazie a te se le mie paure sono svanite e io mi sento molto meglio, perchè l’esperienza che ho fatto era forte ma mai quanto lo era il fatto di andare a dormire tutte le sere sapendo di essere stato in un posto dove c’era anche il Diavolo; è grazie alle sue spiegazioni e la sua uscita improvvisa nel rassicurarmi che se avessi visto anche il Lucifero non dovevo comunque preoccuparmi, in quanto ai piedi della Madonna lui incombe e si nasconde sempre. Grazie di nuovo e spero di incontrarci presto.

April 20, 2014 | News | 0

Leave a reply

Your email address will not be published.

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>